Strumenti Utente

Strumenti Sito


eterno_divenire

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
eterno_divenire [2020/03/23 16:11]
mythril [I Cacciatori di Energia]
eterno_divenire [2020/03/23 16:24] (versione attuale)
mythril
Linea 246: Linea 246:
 Corrispondenza Esoterico - Alchemica: Evocazione\\ Corrispondenza Esoterico - Alchemica: Evocazione\\
 //Sia che lo si intenda come rettitudine inamovibile che come dedizione assidua e tenace, lo Zelo si relaziona ad un ideale superiore da perseguire con ogni fibra del proprio essere. Nel multiverso esso fomenterà la lotta per affermare ciò in cui si crede fermamente.//​ //Sia che lo si intenda come rettitudine inamovibile che come dedizione assidua e tenace, lo Zelo si relaziona ad un ideale superiore da perseguire con ogni fibra del proprio essere. Nel multiverso esso fomenterà la lotta per affermare ciò in cui si crede fermamente.//​
 +
 +
 +
 +
 +
 +Oltre a rappresentare su Èilean una forma materiale di questi concetti, tali Materie Primordiali sono in effetti un potente metodo per poter interagire esotericamente con l’Obelisco e quindi con i poteri fondanti di Eilean. I valori sono considerabili Verbo Ancestrale con il quale è possibile praticare la forma più antica di arcano: la magia del fare. Rituali, Riti e ogni pratica complessa e collettiva di magia vedono le Materie Primordiali come assolute protagoniste e, combinando il significato con gli Stygma che forniscono energia, è possibile ottenere virtualmente qualsiasi effetto. Su Èilean è presente il terzo ingrediente della magia del fare: i Catalizzatori Arcani. Questi sono gli Stendardi degli Ordini, che stabiliscono chi sta operando con le Energie Antiche; La Forgia delle Anime, che catalizza ogni procedimento energetico; Il Tavolo Alchemico, che catalizza ogni procedimento materiale; ed infine l’Obelisco che, fatta eccezione per le funzioni già rivestite dagli altri catalizzatori,​ coadiuva ogni altra forma di operazione arcana collettiva. ​
 +Collettiva, perché gli Antichi non ascolteranno mai la parola di un singolo. Sempre di una collettività rappresentata da una cospicua rappresentanza.
  
 ====Conservazione di Stygma e Materie Primordiali==== ====Conservazione di Stygma e Materie Primordiali====
Linea 254: Linea 261:
 Lo Scrigno non può essere mai allontanato dall’ordine e può essere aperto da chiunque. Unico metodo per allontanare lo scrigno dai padiglioni dell’ordine è il tenerlo a meno di due passi dallo stendardo dell’Ordine. Lo Scrigno non può essere mai allontanato dall’ordine e può essere aperto da chiunque. Unico metodo per allontanare lo scrigno dai padiglioni dell’ordine è il tenerlo a meno di due passi dallo stendardo dell’Ordine.
  
- +====Le Pergamene.====
- +
-Oltre a rappresentare su Èilean una forma materiale di questi concetti, tali Materie Primordiali sono in effetti un potente metodo per poter interagire esotericamente con l’Obelisco e quindi con i poteri fondanti di Eilean. I valori sono considerabili Verbo Ancestrale con il quale è possibile praticare la forma più antica di arcano: la magia del fare. Rituali, Riti e ogni pratica complessa e collettiva di magia vedono le Materie Primordiali come assolute protagoniste e, combinando il significato con gli Stygma che forniscono energia, è possibile ottenere virtualmente qualsiasi effetto. Su Èilean è presente il terzo ingrediente della magia del fare: i Catalizzatori Arcani. Questi sono gli Stendardi degli Ordini, che stabiliscono chi sta operando con le Energie Antiche; La Forgia delle Anime, che catalizza ogni procedimento energetico; Il Tavolo Alchemico, che catalizza ogni procedimento materiale; ed infine l’Obelisco che, fatta eccezione per le funzioni già rivestite dagli altri catalizzatori,​ coadiuva ogni altra forma di operazione arcana collettiva.  +
-Collettiva, perché gli Antichi non ascolteranno mai la parola di un singolo. Sempre di una collettività rappresentata da una cospicua rappresentanza. +
-Le Pergamene.+
 Basi di conoscenze perdute, le pergamene spuntano di tanto in tanto su Èilean e contengono in sé le istruzioni per ottenere determinati tipi di incantamenti tramite la Forgia delle Anime o più raramente tramite altri catalizzatori arcani. Queste vanno sempre distrutte nel procedimento,​ lasciando fluire la conoscenza nuovamente nell’etere. Non ha senso ricopiare una pergamena, in quanto l’originale si distruggerebbe trasferendo il suo potere nella nuova copia. ​ Basi di conoscenze perdute, le pergamene spuntano di tanto in tanto su Èilean e contengono in sé le istruzioni per ottenere determinati tipi di incantamenti tramite la Forgia delle Anime o più raramente tramite altri catalizzatori arcani. Queste vanno sempre distrutte nel procedimento,​ lasciando fluire la conoscenza nuovamente nell’etere. Non ha senso ricopiare una pergamena, in quanto l’originale si distruggerebbe trasferendo il suo potere nella nuova copia. ​
-La Forgia delle Anime.+ 
 +=====La Forgia delle Anime.=====
 È un artefatto antichissimo. Alcuni la ritengono precedente alla creazione di Èilean in quanto ivi presente dalla prima convocazione. Al suo interno si trovano residui di Stygma costantemente interessati dai complessi processi arcani di mutamento, fusione e forgiatura. Troneggiano tre potentissimi e rarissimi Archèios Maior ormai indissolubilmente legati alla Forgia, che come molti artefatti di Eliean, pare abbia una volontà propria. Nessuno conosce la sua origine ma si conosce un certo numero di sue funzioni. La Forgia è l’unico catalizzatore conosciuto in grado di poter interagire con l’energia allo stato puro catalizzandola,​ ma il suo aiuto esige sempre un tributo. ​ È un artefatto antichissimo. Alcuni la ritengono precedente alla creazione di Èilean in quanto ivi presente dalla prima convocazione. Al suo interno si trovano residui di Stygma costantemente interessati dai complessi processi arcani di mutamento, fusione e forgiatura. Troneggiano tre potentissimi e rarissimi Archèios Maior ormai indissolubilmente legati alla Forgia, che come molti artefatti di Eliean, pare abbia una volontà propria. Nessuno conosce la sua origine ma si conosce un certo numero di sue funzioni. La Forgia è l’unico catalizzatore conosciuto in grado di poter interagire con l’energia allo stato puro catalizzandola,​ ma il suo aiuto esige sempre un tributo. ​
-Per utilizzarla occorre prima di tutto conquistarla. Per rivendicarla è necessario portare in sua presenza lo stendardo del proprio ordine e toccare con una mano libera la forgia. Chi brandisce lo stendardo deve dichiarare a voce alta il proprio nome, il mondo di provenienza,​ e che sta rivendicando il possesso della Forgia delle Anime per conto dell’Ordine,​ specificandone il nome. Se per dieci minuti nessuno interrompe il contatto fisico dello stendardiere con la Forgia, questa è conquistata e resterà possedimento dell’Ordine che l’ha rivendicata fin tanto che lo stendardo sarà nelle sue immediate vicinanze. E’ impossibile conquistare la Forgia senza richiedere la presenza di un Guardiano. +Per utilizzarla occorre prima di tutto conquistarla. Per rivendicarla è necessario portare in sua presenza lo stendardo del proprio ordine e toccare con una mano libera la forgia. Chi brandisce lo stendardo deve dichiarare a voce alta il proprio nome, il mondo di provenienza,​ e che sta rivendicando il possesso della Forgia delle Anime per conto dell’Ordine,​ specificandone il nome. Se per dieci minuti nessuno interrompe il contatto fisico dello stendardiere con la Forgia, questa è conquistata e resterà possedimento dell’Ordine che l’ha rivendicata fin tanto che lo stendardo sarà nelle sue immediate vicinanze. E’ impossibile conquistare la Forgia senza richiedere la presenza di un Guardiano.\\ 
-Accendere la Forgia delle Anime richiede un tributo di sangue. L’utilizzatore che sarà poi colui che utilizzerà la forgia per eseguire un rito, dovrà donare quasi tutta la sua energia vitale alla Forgia dichiarando il proprio nome, e la propria intenzione di utilizzare la Forgia delle Anime per conto del proprio ordine e dichiarandone il nome, donando in tributo parte della sua essenza. Se l’Ordine del Forgiatore è lo stesso che possiede la Forgia, questa si accenderà e sarà pronta per il primo rito. La Forgia si spegne dopo ogni rito a prescindere dal suo esito e va riaccesa da un forgiatore sempre diverso per ciascun Rito. La Forgia si Spegne e torna in quiescienza liberandosi da ogni rivendicazione alla vigilia di ogni retribuzione e alla fine di ciascuna convocazione. A quel punto conviene che lo stendardo venga riportato al campo del proprio Ordine. E’ impossibile accendere la Forgia senza richiedere la presenza di un Guardiano. +Accendere la Forgia delle Anime richiede un tributo di sangue. L’utilizzatore che sarà poi colui che utilizzerà la forgia per eseguire un rito, dovrà donare quasi tutta la sua energia vitale alla Forgia dichiarando il proprio nome, e la propria intenzione di utilizzare la Forgia delle Anime per conto del proprio ordine e dichiarandone il nome, donando in tributo parte della sua essenza. Se l’Ordine del Forgiatore è lo stesso che possiede la Forgia, questa si accenderà e sarà pronta per il primo rito. La Forgia si spegne dopo ogni rito a prescindere dal suo esito e va riaccesa da un forgiatore sempre diverso per ciascun Rito. La Forgia si Spegne e torna in quiescienza liberandosi da ogni rivendicazione alla vigilia di ogni retribuzione e alla fine di ciascuna convocazione. A quel punto conviene che lo stendardo venga riportato al campo del proprio Ordine. E’ impossibile accendere la Forgia senza richiedere la presenza di un Guardiano.\\ 
-I Riti conosciuti della Forgia delle Anime:+ 
 +===I Riti conosciuti della Forgia delle Anime:===
 Tutti i riti catalizzati con questo potente artefatto vanno eseguiti da almeno tre persone di cui un forgiatore e due assistenti. Quante più persone contribuiscono al Rito, tanto più questo avrà possibilità di successo. Va conquistata e accesa la Forgia e un Guardiano deve essere sempre presente. Se il rito fallisce tutti i materiali impiegati vengono bruciati irrimediabilmente e nei casi più gravi può avvenire una deflagrazione così potente da rispedire i convocati sui loro piani d’origine. Ogni Rito ha una durata definita e ogni minuto aggiuntivo aumenta la probabilità di successo, ma attenzione: il Rito deve essere ricolmo di desiderio nell’ottenere il risultato voluto, e questo deve essere manifestato con qualsiasi mezzo: cantilene, danze, gesti conformi all’obiettivo prefissato. Se la volontà così manifestata dovesse scemare di intensità, pur allungando il tempo questo potrebbe sfociare facilmente in un fallimento del Rito. E’ quindi opportuno dosare tempistiche ed energie, scegliendo accuratamente anche il momento del Rito in cui inserire le Materie Primordiali. La Forgia ha una sua volontà, e sa essere un giudice molto severo che va invogliato a collaborare e a compiacere chi richiede i suoi servigi. Va anche detto che solitamente il Caos è estremamente desideroso di interrompere i riti per carpire l’energia che viene dispersa, e per accaparrarsi le materie primordiali. Tutti i riti catalizzati con questo potente artefatto vanno eseguiti da almeno tre persone di cui un forgiatore e due assistenti. Quante più persone contribuiscono al Rito, tanto più questo avrà possibilità di successo. Va conquistata e accesa la Forgia e un Guardiano deve essere sempre presente. Se il rito fallisce tutti i materiali impiegati vengono bruciati irrimediabilmente e nei casi più gravi può avvenire una deflagrazione così potente da rispedire i convocati sui loro piani d’origine. Ogni Rito ha una durata definita e ogni minuto aggiuntivo aumenta la probabilità di successo, ma attenzione: il Rito deve essere ricolmo di desiderio nell’ottenere il risultato voluto, e questo deve essere manifestato con qualsiasi mezzo: cantilene, danze, gesti conformi all’obiettivo prefissato. Se la volontà così manifestata dovesse scemare di intensità, pur allungando il tempo questo potrebbe sfociare facilmente in un fallimento del Rito. E’ quindi opportuno dosare tempistiche ed energie, scegliendo accuratamente anche il momento del Rito in cui inserire le Materie Primordiali. La Forgia ha una sua volontà, e sa essere un giudice molto severo che va invogliato a collaborare e a compiacere chi richiede i suoi servigi. Va anche detto che solitamente il Caos è estremamente desideroso di interrompere i riti per carpire l’energia che viene dispersa, e per accaparrarsi le materie primordiali.
-Tavolo Alchemico.+ 
 + 
 +=====Tavolo Alchemico.=====
 Come gli altri Catalizzatori Arcani il Tavolo è un artefatto molto antico. Il suo potere è quello di poter trasformare la materia in qualcosa di utilizzabile. Per essere usato va prima conquistato e poi alimentato con uno Stygma. Come gli altri Catalizzatori Arcani il Tavolo è un artefatto molto antico. Il suo potere è quello di poter trasformare la materia in qualcosa di utilizzabile. Per essere usato va prima conquistato e poi alimentato con uno Stygma.
 Per rivendicarlo è necessario portare in sua presenza lo stendardo del proprio ordine e toccarlo con una mano libera. Chi brandisce lo stendardo deve dichiarare a voce alta il proprio nome, il mondo di provenienza,​ e che sta rivendicando il possesso del Tavolo Alchemico per conto dell’Ordine,​ specificandone il nome. Se per dieci minuti nessuno interrompe il contatto fisico dello stendardiere con il Tavolo, questo è conquistato e resterà possedimento dell’Ordine che l’ha rivendicato fin tanto che lo stendardo sarà nelle sue immediate vicinanze. E’ impossibile conquistare e utilizzare ​ il Tavolo senza richiedere la presenza di un Guardiano. Per rivendicarlo è necessario portare in sua presenza lo stendardo del proprio ordine e toccarlo con una mano libera. Chi brandisce lo stendardo deve dichiarare a voce alta il proprio nome, il mondo di provenienza,​ e che sta rivendicando il possesso del Tavolo Alchemico per conto dell’Ordine,​ specificandone il nome. Se per dieci minuti nessuno interrompe il contatto fisico dello stendardiere con il Tavolo, questo è conquistato e resterà possedimento dell’Ordine che l’ha rivendicato fin tanto che lo stendardo sarà nelle sue immediate vicinanze. E’ impossibile conquistare e utilizzare ​ il Tavolo senza richiedere la presenza di un Guardiano.
 Utilizzare il Tavolo Alchemico è cosa più semplice rispetto all’uso della Forgia perché non richiede che venga officiato un rito. Utilizzare il Tavolo Alchemico è cosa più semplice rispetto all’uso della Forgia perché non richiede che venga officiato un rito.
 Ogni distillazione dura almeno due minuti e richiede un particolare tipo di Stygma ad alimentare la catalisi alchemica. Venire interrotti durante la distillazione provoca l’irrimediabile dispersione delle materie prime. Ogni distillazione dura almeno due minuti e richiede un particolare tipo di Stygma ad alimentare la catalisi alchemica. Venire interrotti durante la distillazione provoca l’irrimediabile dispersione delle materie prime.
-Gli Stendardi+ 
 +=====Gli Stendardi=====
 Sono una propagazione del proprio Ordine e ne rappresentano la sovranità su Eilean. Il loro potere più grande, infatti, è l’aura di sovranità. Sono una propagazione del proprio Ordine e ne rappresentano la sovranità su Eilean. Il loro potere più grande, infatti, è l’aura di sovranità.
 Una volta al giorno e a prescindere da chi lo brandisce, in risposta alla sua invocazione,​ ogni stendardo effettuerà una guarigione completa e istantanea di massa su tutti i membri del proprio ordine presenti nel raggio di tre metri. ​ Una volta al giorno e a prescindere da chi lo brandisce, in risposta alla sua invocazione,​ ogni stendardo effettuerà una guarigione completa e istantanea di massa su tutti i membri del proprio ordine presenti nel raggio di tre metri. ​
 Altrimenti, Lo stendardo propaga costantemente un’area di ristoro del raggio di tre metri che provoca ai membri dell’Ordine una rigenerazione completa dopo dieci minuti di permanenza ininterrotta. ​ Altrimenti, Lo stendardo propaga costantemente un’area di ristoro del raggio di tre metri che provoca ai membri dell’Ordine una rigenerazione completa dopo dieci minuti di permanenza ininterrotta. ​
-Gli stendardi non possono essere condotti oltre i portali del Caos o al di fuori di Eilean. Ogni stendardo può però essere trafugato e nascosto lontano dal suo Ordine, a patto di informare immediatamente un guardiano della posizione dove è stato nascosto.+Gli stendardi non possono essere condotti oltre i portali del Caos o al di fuori di Eilean. Ogni stendardo può però essere trafugato e nascosto lontano dal suo Ordine, a patto di informare immediatamente un guardiano della posizione dove è stato nascosto.\\
 Gli stendardi possono essere rievocati automaticamente dai propri Superni. Gli stendardi possono essere rievocati automaticamente dai propri Superni.
 Ogni qual volta uno stendardo viene allontanato dal campo da un convocato, il Superno o chi per esso dovrà sempre essere messo al corrente di quanto sta accadendo. Ogni qual volta uno stendardo viene allontanato dal campo da un convocato, il Superno o chi per esso dovrà sempre essere messo al corrente di quanto sta accadendo.
-Riti con gli stendardi+ 
 +====Riti con gli stendardi====
 Come per gli altri artefatti, i riti che è possibile effettuare con gli stendardi sono in parte ancora un mistero. Tuttavia il più importante è conosciuto e molto praticato. Come per gli altri artefatti, i riti che è possibile effettuare con gli stendardi sono in parte ancora un mistero. Tuttavia il più importante è conosciuto e molto praticato.
-Il Rito di Convocazione Supremo+===Il Rito di Convocazione Supremo===
 La funzione di questo rito è la più importante per l’Àgone: Invocare un prescelto che possa incarnare gli ideali primevi, diventando così un Superno. ​ La funzione di questo rito è la più importante per l’Àgone: Invocare un prescelto che possa incarnare gli ideali primevi, diventando così un Superno. ​
 Gli Officianti sono almeno tre, ma più componenti del nuovo ordine parteciperanno,​ meglio sarà. ​ Gli Officianti sono almeno tre, ma più componenti del nuovo ordine parteciperanno,​ meglio sarà. ​
Linea 288: Linea 297:
 Come trasmettere tutto questo all’Obelisco,​ starà ai membri dell’ordine e al loro senso di fedeltà e di motivazione. Come trasmettere tutto questo all’Obelisco,​ starà ai membri dell’ordine e al loro senso di fedeltà e di motivazione.
 Al termine del Rito lo spirito dell’Ordine diventerà tangibile. Il prescelto riceverà un’ispirazione mistica che lo preparerà gradualmente al ruolo che gli spetterà dalla convocazione successiva a quella in cui è avvenuto il rito. Al termine del Rito lo spirito dell’Ordine diventerà tangibile. Il prescelto riceverà un’ispirazione mistica che lo preparerà gradualmente al ruolo che gli spetterà dalla convocazione successiva a quella in cui è avvenuto il rito.
-L’Obelisco  + 
-L’obelisco è una propagazione materiale degli Antichi. Come tale è l’oggetto più importante e potente di Èilean. Le rune sulla sua superficie brillano di luminescenza allineata al colore dell’Ordine che maggiormente ha tributato Archèios durante l’Àgone in corso. Altrimenti, il loro tono naturale è di una neutra luce cangiante. L’Obelisco governa i Guardiani e tutto quello che serve all’Àgone. Tentare di violarlo o di danneggiarlo è sciocco e sconsiderato,​ oltre ad essere visto come una blasfemia dai Guardiani e dagli spiriti degli ordini Primevi. Percepire le energie arcane o spirituali può essere un metodo sicuro per acquisire conoscenza e rischiare al contempo di subire gravosi contraccolpi.+=====L’Obelisco===== 
 +L’obelisco è una propagazione materiale degli Antichi. Come tale è l’oggetto più importante e potente di Èilean. Le rune sulla sua superficie brillano di luminescenza allineata al colore dell’Ordine che maggiormente ha tributato Archèios durante l’Àgone in corso. Altrimenti, il loro tono naturale è di una neutra luce cangiante. L’Obelisco governa i Guardiani e tutto quello che serve all’Àgone. Tentare di violarlo o di danneggiarlo è sciocco e sconsiderato,​ oltre ad essere visto come una blasfemia dai Guardiani e dagli spiriti degli ordini Primevi. Percepire le energie arcane o spirituali può essere un metodo sicuro per acquisire conoscenza e rischiare al contempo di subire gravosi contraccolpi.\\
 Officiare riti è l’unico metodo per stabilire una rudimentale forma di comunicazione con l’Obelisco e, in rari e imprevedibili casi, con gli Antichi. Tutti i riti devono essere gravidi di forza, intensità, entusiasmo e ardore. ​ Officiare riti è l’unico metodo per stabilire una rudimentale forma di comunicazione con l’Obelisco e, in rari e imprevedibili casi, con gli Antichi. Tutti i riti devono essere gravidi di forza, intensità, entusiasmo e ardore. ​
-Come trasmettere tutto questo all’Obelisco,​ starà ai membri dell’ordine e al loro senso di fedeltà e di motivazione. +Come trasmettere tutto questo all’Obelisco,​ starà ai membri dell’ordine e al loro senso di fedeltà e di motivazione.\\ 
-Riti con l’Obelisco. + 
-Il Rituale di Fondazione. +====Riti con l’Obelisco.==== 
-Mirto, Ninfea ed Amaranto sono detti Ordini PRIMEVI, o Primordiali, ma non sono gli unici Ordini che hanno calcato il suolo di Èilean. E’ possibile che alcuni viaggiatori decidano di discostarsi dagli ideali originari dell’Ordine al quale hanno risposto, e maturino la volontà forte e determinata di fondare un nuovo Ordine. Questo evento solitamente non è mai incruento, e genera vere e proprie guerre di secessione interne agli Ordini da cui si distaccano queste frange separatiste.  +===Il Rituale di Fondazione.=== 
-Su Eilean la volontà è tutto e gli Antichi nella loro infinita lungimiranza hanno previsto anche questo. Durante il rituale di Fondazione un gruppo di almeno dieci convocati, non necessariamente in origine appartenenti al medesimo Ordine possono presentare Uno Stendardo che rappresenterà il loro nuovo Ordine, un Archèios, un elenco di dieci Materie Primordiali non necessariamente appartenenti alla medesima sfera di influenza e la sacra promessa di portare avanti l’Àgone nel nome di quest’Ordine,​ di fornire per esso un degno accampamento e di riuscire ad effettuare il prima possibile un Rito di Convocazione Suprema per ottenere un proprio Superno. Il Rito deve durare almeno dieci minuti. Avere successo implica che il proprio Stendardo acquisti i poteri consoni al blasone di un Ordine in lizza per L’Àgone +Gli Ordini PRIMEVI, o Primordiali non sono gli unici Ordini che hanno calcato il suolo di Èilean. E’ possibile che alcuni viaggiatori decidano di discostarsi dagli ideali originari dell’Ordine al quale hanno risposto, e maturino la volontà forte e determinata di fondare un nuovo Ordine. Questo evento solitamente non è mai incruento, e genera vere e proprie guerre di secessione interne agli Ordini da cui si distaccano queste frange separatiste.  
-Su Eilean possono coesistere al massimo ​cinque ​Superni. Nel caso in cui un gruppo di convocati volesse partecipare con il proprio nuovo Ordine all’Àgone,​ dovrebbe convocare un nuovo Superno. Questo implica che successivamente al Rituale di Fondazione e prima di poter effettuare un rito di Convocazione Suprema, dovrà sfidare in una battaglia campale uno dei cinque ordini e riuscire a sconfiggerlo per poter distruggere il loro Superno, liberare il posto da questo occupato e acquisirlo a sua volta per quello che si andrà a Convocare. E’ possibile scalzare anche gli Ordini Primevi.+Su Eilean la volontà è tutto e gli Antichi nella loro infinita lungimiranza hanno previsto anche questo. Durante il rituale di Fondazione un gruppo di almeno dieci convocati, non necessariamente in origine appartenenti al medesimo Ordine possono presentare Uno Stendardo che rappresenterà il loro nuovo Ordine, un Archèios, un elenco di dieci Materie Primordiali non necessariamente appartenenti alla medesima sfera di influenza e la sacra promessa di portare avanti l’Àgone nel nome di quest’Ordine,​ di fornire per esso un degno accampamento e di riuscire ad effettuare il prima possibile un Rito di Convocazione Suprema per ottenere un proprio Superno. Il Rito deve durare almeno dieci minuti. Avere successo implica che il proprio Stendardo acquisti i poteri consoni al blasone di un Ordine in lizza per L’Àgone\\ 
 + 
 +Su Eilean possono coesistere al massimo ​Cinque ​Superni. Nel caso in cui un gruppo di convocati volesse partecipare con il proprio nuovo Ordine all’Àgone,​ dovrebbe convocare un nuovo Superno. Questo implica che successivamente al Rituale di Fondazione e prima di poter effettuare un rito di Convocazione Suprema, dovrà sfidare in una battaglia campale uno dei cinque ordini e riuscire a sconfiggerlo per poter distruggere il loro Superno, liberare il posto da questo occupato e acquisirlo a sua volta per quello che si andrà a Convocare. E’ possibile scalzare anche gli Ordini Primevi.\\ 
 Un Ordine creato con il Rito di Fondazione e che attinga Valori da Materie Primordiali non allineate alla medesima sfera, è detto ORDINE SPURIO. Oltre a questa differente dicitura, null’altro distinguerà il nuovo ordine dai preesistenti. Un Ordine creato con il Rito di Fondazione e che attinga Valori da Materie Primordiali non allineate alla medesima sfera, è detto ORDINE SPURIO. Oltre a questa differente dicitura, null’altro distinguerà il nuovo ordine dai preesistenti.
 Un Ordine Spurio può partecipare all’Àgone per spargere il proprio ideale nel Multiverso dalla Convocazione successiva a quella in cui è riuscito a Convocare il proprio Superno. Un Ordine Spurio può partecipare all’Àgone per spargere il proprio ideale nel Multiverso dalla Convocazione successiva a quella in cui è riuscito a Convocare il proprio Superno.
-L’Eredità Materiale+ 
 +=====L’Eredità Materiale=====
 Solo le essenze spirituali possono compiere il viaggio da e verso Èilean pertanto nessun oggetto può essere portato sul proprio mondo d’origine. Materie Primordiali,​ Stygma e le essenze degli oggetti incastonati vanno lasciati tutti nello scrigno del proprio ordine, e là verranno ritrovati alla successiva convocazione,​ ad uso dei campioni che saranno convocati. Solo le essenze spirituali possono compiere il viaggio da e verso Èilean pertanto nessun oggetto può essere portato sul proprio mondo d’origine. Materie Primordiali,​ Stygma e le essenze degli oggetti incastonati vanno lasciati tutti nello scrigno del proprio ordine, e là verranno ritrovati alla successiva convocazione,​ ad uso dei campioni che saranno convocati.
  
eterno_divenire.txt · Ultima modifica: 2020/03/23 16:24 da mythril